isola


Isola e rifugio di tutti i Sognatori Seriali Anonimi ...
gli altri sono avvisati.
Il passato, il presente, il futuro... ovunque e comunque, sono io, una sognatrice seriale, state attenti è una malattia!

This is a shelter island for all Anonymous Serial Dreamers ... and the others ?! beware!
Looking at past, present, future ... anywhere and anyhow, it's me...a serial dreamer ... be careful, it's a viral disease!


domenica 17 novembre 2013

sospesa

mesi interi, nonostante tutto.
ci ho messo mesi interi, nonostante ogni giorno pensassi a qualcosa di "degno" di essere ricordato, di sufficientemente intenso da far scattare una divagazione mentale.
eppure c'è stato così tanto di bello, ma anche di difficile ... 
giornate su giornate, settimane, ore, con le persone che amo. con amici o da sola... ho scattato mille foto, ho respirato forte per momenti di rabbia, e delusione, e sospirato per altri di tristezza incombente, e sono riuscita a volte a sorridere per gioie spontanee e sincere.

ma è stato inutile.
tutto si era sospeso, congelato, cristallizzato. 

nel frattempo tante cose sono cambiate, per forza.
perchè la vita è complicata, anche quando tu fai di tutto per tenerla in riga, anzi, forse proprio allora lei decide di strapazzarti come si deve.
Tu sei così saldo nelle tue certezze, così granitico e saggio, ti credi immensamente capace di controllare situazioni, sentimenti, criticità.
e invece no, la vita arriva, e ti punta un faro negli occhi all'improvviso, per accecarti, spaventarti, farti provare un disorientamento, un vuoto terribile come quelle di giostre impazzite che ti fanno cadere dall'alto...

ma nell'angolo estremo di quella luce che ti brucia la retina, là più avanti, oltre il bagliore feroce, puoi scorgere un sentiero, stretto, un po' contorto e malconcio, quasi uno sgorbio, un tratteggio speculare di te in quei momenti. 
Allora senti che è un percorso di obbligato, l'inizio timido di una speranzosa caccia al tesoro, che tra mattoni scrostati, pavimento sconnesso, svolte improvvise, ti conduce avanti, avanti, avanti.
Il tuo passo incerto ambisce ad una sicurezza che quel vicolo proprio non ispira, nè garantisce.

Ma solo cercando in quel buio, oltrepassando con fiducia quella luce abbagliante, nell'infinitesimale istante di buio, ti accorgi che riesci a passare alla fase successiva, imparando qualcosa di prezioso per te.
E' un livello superiore, una "promozione" che non ti aspetti, tutto sommato un regalo.
E così ora lo sto capendo e assaporando.

Forse il passaggio in questo vicolo riesce ora a farmi percepire un' incrinatura leggera, un lontano senso di disgelo, via dalla sospensione... via. per tornare.




6 commenti:

  1. ... eccoti qui... sei tornata più forte e più grande di prima. Ogni tanto facevo un giro nel Dreaming ma dai territorori di frontiera niente di nuovo... oggi sono stata contenta di essere stata qui ad "accoglierti" alla fine di un travaglio.. Bentornata ...

    RispondiElimina
  2. In qualche modo mi ritrovo spesso nelle tue parole....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una conferma del nostro "feeling" :-)

      Elimina
  3. Sai, leggendo ciò che hai scritto, mi son chiesta COSA ti abbia fatto scrivere quelle parole...lo so, son curiosa ( soprattutto non sono fatti miei), ma di certo il tuo racconto ha tratti comuni con la vita di molti di noi...bello è sapere che hai trasformato le difficoltà in doni...quello no, non è da tutti ( io, poi, devo combattere quasi quotidianamente con il pessimismo, che nel tempo ho stemperato, ma non annullato!!! Che faticaaaaaaaaaa!!!)
    Buona vita Teresa e speriamo di leggerti più spesso
    Monica

    RispondiElimina
  4. Cara Monica, è un misto di ciò che in fondo succede nella vita di tutti noi... alti, bassi, preoccupazioni ed euforie, sconfitte e speranze. forse tu sarai pessimista, come io sono incostante... chissà che io non riesca a migliorare un po'! buona vita a te e alla tua family :-)

    RispondiElimina

mi farebbe piacere sapere come la pensi...

addtoany

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...